Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile - Comune di Bareggio

Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile - Comune di Bareggio

Piano d’azione per l’energia sostenibile

Il Comune di Bareggio ha aderito formalmente all’iniziativa Patto dei Sindaci dell’Unione Europea il 28 ottobre 2010, con l’obiettivo di ridurre entro il 2020 di oltre il 20% le emissioni di CO2.

Per attuare tale impegno, il Comune ha deciso di predisporre un ”Piano d'Azione per l’Energia Sostenibile” (PAES) “Sustainable Energy Action Plan” (SEAP) nel quale sono indicate le misure e le politiche concrete che dovranno essere realizzate per raggiungere gli obiettivi indicati nel Piano.

Esso si basa sui risultati dell’Inventario Base delle Emissioni (IBE) che analizza la situazione energetica comunale rispetto all’anno di riferimento adottato, ovvero il 2005.

In particolare, il settore residenziale è responsabile della maggior parte dei consumi finali (45%) e delle emissioni (39%), seguito dall'industria non ETS, dal trasporto commerciale e privato e dal terziario.

Risulta modesto il contributo degli edifici e dei servizi comunali, così come quello dei trasporti pubblici e del parco veicoli comunale.

Nel passaggio dai consumi finali di energia alle emissioni di CO2, a causa dei diversi fattori di emissione associati ai vettori energetici predominanti, aumenta il peso percentuale dell’industria (30% dei consumi e 35% delle emissioni) e del terziario (9% dei consumi e 11% delle emissioni), mentre si riduce lievemente quello del residenziale (45% dei consumi e 39% delle emissioni).

A partire dall’analisi dei dati contenuti nell’IBE e sulla base delle linee di pianificazione strategica comunale definita negli incontri con il Comitato Strategico, gli stakeholders e i cittadini, il Comune di Bareggio ha identificato i settori di azione prioritari e le iniziative da intraprendere, a breve e a lungo termine, per raggiungere i propri obiettivi di riduzione di CO2.

Gli obiettivi di riduzione, dettagliate in ciascuna Scheda Azione predisposta e allegata al PAES, sono stati calcolati attraverso l’applicazione di metodologie innovative e grazie al coordinamento delle unità organizzative dell’Amministrazione a livello di pianificazione strategica.

Le tematiche prese in considerazione nel PAES riguardano diversi settori dell’Amministrazione Comunale, pertanto ogni futuro sviluppo a livello edilizio e territoriale dovrà tenere in considerazione quanto previsto dalle Azioni del Piano.

Tra le principali azioni previste, si citano sinteticamente:

  • il settore edilizio privato, che rappresenta il comparto più energivoro. Le azioni previste sono rivolte sia alle nuove costruzioni (Regolamento Edilizio) che al parco edilizio esistente;
  • il settore edilizio pubblico, con interventi di audit energetico, retrofit dell'involucro edilizio, degli impianti termici e del sistema di illuminazione;
  • l’illuminazione pubblica con interventi che riguardano l’acquisto e l’efficientamento degli impianti;
  • il settore dei trasporti, essendo concentrato sul traffico locale, è stato affrontato con l’obiettivo primo di sviluppare la “mobilità dolce”, ossia gli spostamenti a piedi o in bicicletta;
  • le fonti rinnovabili sono promosse a più livelli: il Comune si impegna a installare impianti fotovoltaici sugli edifici di proprietà pubblica e a realizzare un bando per la selezione di imprese pre-qualificate per favorire l’installazione di impianti fotovoltaici nel settore privato;
  • la pianificazione energetica strategica prevede molteplici misure che comprendono la definizione del PGT quale strumento per il rispetto delle scelte strategiche e dei criteri di sostenibilità ambientale previsti dal PAES, la predisposizione dell’allegato energetico.

Link

Pubblicato il 
Aggiornato il